MENU
Ventotene

“Venti minuti di non amore” di Sandro Veronesi

Era partito senza preavviso e senza dare spiegazioni. Avrebbe potuto mentire, dire d’esser stato invitato a un convegno, o di dover fare un sopralluogo per qualcosa che stava scrivendo, ma preferì dire la verità. Dopo anni di sincerità assoluta pensò che sarebbe stato un peccato sciupare tutto con una menzogna. Disse a sua moglie che andava qualche giorno all’isola di Ventotene, da solo, e che non sapeva bene nemmeno lui perché lo faceva.

Commenti

Non c'è ancora nessun commento: puoi essere il primo!

Utilizziamo cookie per darti la migliore esperienza sul nostro sito

Leggi di più OK