MENU
Ventotene

O come Osare

Dopo qualche anno però, sbarcando a Ventotene, scopre che si è liberato uno spazio nel centro della piazzetta: 50 metri quadrati appena, ma abbastanza per osare. Prende in affitto il posto, mette un’insegna con scritto «L’ultima spiaggia» e sbarca sull’isola con diversi scatoloni pieni di libri, selezionati con cura prima di partire.

Commenti

12 luglio 2013

Marina

E’proprio così,per i turisti(ma si possono ancora chiamare così quelli che amano Ventotene e ci ritornano ogni anno?)l’Ultima Spiaggia è diventato un punto di riferimento e di incontro importante sull’isola e ritrovare Fabio che,con gli occhi che gli brillano,ci racconta storie di carcerati e di librai,di uomini che hanno trovato un senso alla loro vita ed un riscatto nella letteratura,ci fa sentire in un luogo dove ancora la condivisione o anche solo lo scambio delle idee può fare di una vacanza un’occasione di crescita .

Utilizziamo cookie per darti la migliore esperienza sul nostro sito

Leggi di più OK